IL COMMENTO SUL CAMPIONATO DEL MANAGER DELLA ISCOPY JUNIOR ALPINA

Dopo l’ultima partita del campionato di serie B che ha decretato la salvezza e quindi la permanenza della Iscopy Junior  Alpina nel campionato cadetto anche nel 2022, abbiamo chiesto al manager  Daniele Santolupo un commento su come gli è sembrata la prestazione della squadra e degli atleti  in queste 28 partite di campionato giocate dal 23 Maggio al 26 Settembre 2021.

“La vittoria in gara2 sul Buttrio, sancisce il traguardo della salvezza di questa campionato B. Tale salvezza risultava l’obiettivo di squadra fin dall’inizio della stagione: da neopromossa del girone e con una vera prima esperienza in un campionato di livello per gran parte dei nostri ragazzi.

Certo, ci si augurava di non arrivare all’ultima partita disponibile per centrare il risultato finale, ma va detto che nonostante i risultati, i ragazzi hanno fatto progressi nella loro crescita di giocatore: nel girone di andata abbiamo disputato un buon numero di partite di livello, in termini di concretezza e solidità nei vari reparti, mentre più sofferto è stato il girone di ritorno con qualche passaggio a vuoto di troppo.

Niente toglie le ottime performance del reparto dei lanciatori, che ha saputo fronteggiare squadre con più esperienza ed aggressività nel box: Papazzoni, Marusig e Krauthaker hanno offerto delle grandi prestazioni, senza nulla dimenticare gli altri che in un modo o l’altro hanno dato il loro contributo.

Anche in fase offensiva è stato potuto notare la crescita dei nostri ragazzi: la quasi totalità dei runs effettuati frutto di una costruzione di squadra, ove ciascuno ha colpito al momento giusto. Lesjak, Palmieri, Ugrin, Milazzo, Rudolf, tutti hanno avuto modo di essere incisivi e decisivi nelle singole partite. La media battuta di squadra (254 ndr) dimostra come abilità e potenzialità non mancano, anche tra coloro che hanno avuto meno spazio in campo.

Il reparto che ha più sofferto è stata la difesa, mostrando le insicurezze nelle partite contro le dirette avversarie, il che ha portato a dover giocare sempre a rincorrere il risultato, l’avversario.

Nel complesso posso dire che mai come questa stagione ho potuto notare la crescita reale dei nostri ragazzi, specie dello zoccolo duro nostrano che da anni ha ripreso in mano la risalita della squadra seniores. E con l’intraprendenza dei ragazzi sloveni, oramai ragazzi cresciuti tecnicamente sotto la nostra direzione tecnica, potenziale su cui lavorare c’è eccome.”
Daniele Santolupo manager della Iscopy Junior Alpina (nella foto di copertina)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 3 =